Mondo Rap

5 tra i Dissing più celebri del rap italiano

Solita premessa: questa non è la lista dei “5 migliori/più importanti dissing del rap italiano” anche perchè non avrebbe senso; è solo una selezione di 5 episodi tra i più significativi, ce ne sono tanti altri; di alcuni abbiamo già parlato, (es: quello tra Marcio ed Enticsdi altri parleremo in futuro.

Vacca Vs Fibra.

Da un punto di vista mediatico è stato indubbiamente il dissing più coinvolgente della storia del rap italiano, il botta e risposta tra i due ex amici ha fatto registrare numeri da record:”il Diavolo non esiste” conta 2.300.000 views, Niente di personale ne ha 2.800.000, Nella fossa ne conta 2.700.00 e “Fatti da parte” 3.800.000.

Quello tra Vacca e Fabri Fibra è un beef tutt’ora aperto sotto molto punti di vista, soprattutto tra  i fans dei due rapper, basta pensare alle numerose shitstorm dell’ ultimo anno sulla pagina facebook di Vacca, contraddistinte dal messaggio “Che cazzo vuoi rasta di merda ? “il “#fuckfedez” in confronto non è niente.

Quello tra Vacca e Fabri Fibra è un dissing fortemente incentrato sullo sputtanamento reciproco e personale.

 Gruff vs Articolo 31.

Un pezzo di storia del rap italiano, siamo agli albori, alla mitologia.  Tanti anni dopo Fritz Da Cat interpellato a riguardo parlerà di “una guerra che non aveva motivo di esistere“, poco importa, per una buona fetta di puristi questo diss è la perfetta raffigurazione dell’ eterna lotta del bene contro il male, dei buoni contro i cattivi. Nonostante ciò nel 2010 viene pubblicata, a sorpresa, una traccia intitolata Il mio nemico in cui J-Ax e Dj Gruff rappano assieme.

Non sarà l’unica dato che successivamente alle aspre critiche ricevute  la stranissima coppia pubblicherà anche una seconda canzone in risposta ai detrattori, intitolata “Vergogna (The Anthem)”.  La vicenda rimane comunque un pezzo di storia, un dissing di un’ altra epoca,  un’ epoca in cui era tutto bianco o nero, non c’erano vie di mezzo, o eri dentro o eri fuori. Il centro della questione può essere individuato nel ruolo della cultura Hip Hop.

Guè vs Inoki.

Un dissing carico d’odio, un diss che segna la frattura tra due mondi  che per lungo tempo si erano supportati, alimentandosi a vicenda, un diss a dir poco crudo che non ha mai avuto risposta se non da parte di qualche mitomane che  ha provato a spacciarsi per Guè Pequeno.

Inoki vs Salmo.

Anche in questo caso parliamo di una rivalità più che mai viva, ne abbiamo avuto prova quest’ estate quando Inoki ha nuovamente insultato Salmo via social definendolo un “Sucaminchia” con espliciti riferimenti a al dissing del 2013, il rapper di Olbia non si è fatto problemi a rispondere definendo Inoki “una busta di piscio”. La questione centrale del dissidio è il ricambio generazionale.

Inoki vs Vacca.

E’ forse il primo dissing italiano ad essere stato pesantemente influenzato dai social, anche se i social erano altri: all’ epoca Vacca non aveva neanche un account facebook,  tuttavia i video delle risposte venivano postati su YouTube e rimbalzavano da un pc all’altro grazie ai forum ed agli account my space che tra il 2005 e il 2010  svolgevano l’attuale funzione di Facebook.

A differenza degli altri quattro dissing sopra elencati quello tra Inoki e Vacca è un beef fortemente incentrato sulle minacce fisiche, sul risolvere la questione con le mani più che con le parole.

Schermata 2015-09-20 alle 12.47.53
Previous post

In arrivo il mixtape di Drake e Future

Schermata 2015-09-21 alle 08.30.51
Next post

La classifica dei 30 rapper più seguiti su facebook

Mondo Rap

Mondo Rap