11 Dic 2015

Snoop Dogg: tanto fumo e tanto arrosto

Nel corso della sua più che ventennale carriera, Snoop Dogg ha cambiato pelle più volte. Presentatosi dapprima come pericoloso membro dei Crips di Long Beach, l’ex figlioccio di Dr. Dre è passato attraverso una serie di mutazioni che l’hanno visto vestire i panni del magnaccia, del don di corleonese fattura

Claudio Spagnuolo aka Klaus Bundy 0
20 Nov 2015

Rakim: il “Maestro”

“The God”, “The R”, “The Microphone Fiend”: sono innumerevoli gli appellativi con cui ci si riferisce a Rakim, indubbiamente il più geniale pioniere nell’arte dell’MCing durante gli ultimi anni della cosiddetta “golden age” dell’hip-hop. Descrivere Rakim per ciò che rappresenta richiede cautela e riverenza, poiché la sua eredità artistica eguaglia

Claudio Spagnuolo aka Klaus Bundy 0
15 Nov 2015

Big L: Harlem’s Finest

Per quelli che hanno avuto il privilegio di conoscerlo, Big L è stato la perfetta sintesi della cultura hip-hop: un personaggio ruvido, affezionato alle proprie radici, nonché uno straordinario liricista, probabilmente il talento più cristallino mai visto ad Harlem, quartiere pieno di storia nel cuore dell’eterna New York. Parlare di

Claudio Spagnuolo aka Klaus Bundy 0
12 Nov 2015

Raccolta casuale di vecchie perle di Gemitaiz

Si avvicina l’uscita di QVC 6, che uscirà a novembre, sesto episodio di una saga iniziata  nel medioevo del Rap italiano ma ancora oggi più viva che mai, per celebrare l’evento abbiamo deciso di raccogliere alcune vecchie perle lasciate negli anni scorsi da Gem all’indelebile memoria di Facebook, fatta eccezione

Mondo Rap 0
09 Nov 2015

La vera storia di “Hit ‘Em Up”

Secondo molti, “Hit ‘Em Up” rappresenta il più efficace esempio di “diss track” mai scritto nella storia della musica rap. Al di là di tutte le possibili considerazioni stilistiche, questa canzone ricopre un’importanza cruciale nella vicenda riguardante l’ardente astio provato da Tupac Shakur nei confronti di The Notorious B.I.G.; allargando

Claudio Spagnuolo aka Klaus Bundy 0
03 Nov 2015

La storia della Death Row Records tra malavita, soldi e sete di potere (parte 1)

Premesse storiche Dopo l’uscita di “Niggaz4Life” (1991), gli N.W.A erano ormai arrivati ad un punto di rottura totale. Perso Ice Cube, anche Dr. Dre non riusciva più a sopportare l’idea di non ricevere il giusto compenso per il suo egregio lavoro alla Ruthless Records: il gruppo, com’era già noto dai

Claudio Spagnuolo aka Klaus Bundy 0