GRI

Fresca come la neve: “Giù dal cielo” è il nuovo singolo di Fabi Wallace (intervista)

Balletti sui beat: c’è chi li fa coi gomiti e chi li fa col flow, a quest’ultima categoria appartiene FABI WALLACE, la nuova rapper che partendo da Torino punta a prendersi l’Italia, tanto che i Savoia stanno pensando di denunciarla per plagio.

Il suo ultimo singolo si chiama “Giù dal cielo“, e lo trovate sul suo INSTAGRAM: di sicuro non manca tutta la professionalità che un team può offrire a un’artista di talento, tanto il beat, a cura di Chiedi a Giorgino e Oliver Ken, quanto il video, a cura di AVAXO PROD, non mancano certo di qualità e, se dal canto suo Fabi Wallace non manca certamente di immagine, per la quale non intendiamo semplicemente il fattore estetico ma anche la vivacità dello stile, questo non è certo uno di quei casi con una bella ragazza posta davanti al microfono che non sa che farsene, perché il ritornello è ben strutturato, sa farsi apprezzare e sa farsi cantare, ma soprattutto, nelle strofe l’alternanza tra semi-cantati, sporche, pause e rappato si produce molto bene. Il risultato finale è un video di un minuto, ma che vorremmo ne durasse almeno tre.

Comunque niente panico! 

Fabi Wallace è qui per restare, e se voleste saperne di più su di lei, qui di seguito potrete trovate le sue risposte a qualche piccola domanda che le abbiamo posto.

Fabi W

Ciao Fabi, abbiamo parlato del tuo nuovo singolo “Giù dal cielo”, ma prima facciamo un passo indietro: come inizia la tua carriera musicale?

La mia carriera musicale iniziò a 16 anni, quando scrissi le mie prime canzoni, ne registrai anche una ai 17 ma non la feci mai uscire perché ero bloccata, non me la sentivo. I miei testi non erano testi felici.. Ho iniziato per sfogo, le mie canzoni le facevo ascoltare a pochissimi amici, per paura del giudizio e per paura di spogliarmi troppo. 

Smisi di fare rap perché mi creava insoddisfazione. 

Smisi di ascoltare rap per un anno intero. 

Dopodiché iniziai a suonare musica techno, ma sentivo che quello non era il mio posto.

Passò il tempo… 

Chiamai un mio amico che lavora presso lo studio di AVAXO a Torino e gli feci sentire quello che registrai tempo fa. Ovviamente ho dovuto riprendere tutto da capo, quasi come se non avessi mai iniziato, e ora grazie anche – anzi, oserei dire soprattutto – a loro, sono più sicura di ciò che faccio. 

E adesso sono qui.

Sei parte di quel “fresh rap” che all’orecchio inesperto potrebbe sembrare facile, ma quanto lavoro c’è in verità dietro ogni brano?

Essendo una ragazza è molto facile essere giudicata. Per la qualsiasi. 

Essere donna nel rap può essere un’arma a doppio taglio, perciò bisogna curare ogni parola che si dice. 

Per “Giù dal cielo” potrebbe valere un discorso simile: all’apparenza un testo molto soft, ma forse, sotto le righe, un tema molto reale e crudo. E’ così o ci siamo fatti ingannare dal ritornello?

Giù dal cielo” è un brano in cui si parla di una certa “Biancaneve”.

Questa ragazza che cerca di provarci in tutti i modi, una bella ragazza, una principessa. 

La droga è come una bella ragazza ma che ti fa sempre scegliere. 

Sono cresciuta in quartiere, ho visto tante cose crude della vita, ho visto amici morire per una scelta sbagliata, perciò citando il mio testo, alla fine della barra dico a questa “ragazza” di starmi lontana. 

Infatti questo testo non incita a drogarsi, ma è un po’ come i film della Walt Disney, pieni di messaggi subliminali indiretti all’ascoltatore. 

Prima era uscita “Caramelle”, cosa accomuna e cosa differenzia questi due brani? E perché hai scelto di fare uscire entrambi come esclusive su Instagram?

Caramelle” e “Giù dal cielo ” sono due brani diversi, mi piace provare vari stili… 

Caramelle” è cazzuta, ci sono solo punchlines. 

Giù dal cielo” è raccontata, cantata, e alla fine poi ognuno può dare libera interpretazione al testo. 

Siamo alla fine, ti chiediamo solo più un saluto ai fans di Mondorap.it e i contatti per ascoltare la tua musica, e magari, come ultima curiosità, perché “Fabi Wallace” era il nome d’arte giusto per te.

Un bacio e un saluto a tutti i fans di Mondorap.it!!

Fabi Wallace è stato inventato per gioco da amici, quando avevo il taglio di capelli alla Mia Wallace di Pulp Fiction, e ho deciso di usarlo come nome d’arte. 

Per ora potete seguirmi su Instagram e Facebook, ma a breve faremo uscire qualcosa anche su altre piattaforme!!

Ringrazio per il supporto lo spazio dato!

IMG-20180516-WA0020
Previous post

"Caramello" di Marco Talese, Boro Boro e Amnesia, ed è subito Chill

Siffa
Next post

Altissima, purissima e... shallissima! "Fiori di Loto" di Siffa scorre liscia come l'acqua

Loris Tudisco Ryder

Loris Tudisco Ryder