Bei momentifreestyleHistory Channel

Gel e il momento più imbarazzante della storia del freestyle italiano

Il momento più greve della storia del freestyle italiano si concretizza a Bologna nel 2006 durante la finale del 2TheBeat, la battle vede coinvolti Gel del Truceklan, Clementino, Ira e Rayden dei One Mic; già durante il giro di presentazione si capisce chi sarà la vittima sacrificale del primo round: il romano Gel,  primo a prendere la parola e primo ad accaparrarsi la totale disistima della folla apostrofando come “scrausi” gli ATPC. La zappa sui piedi definitiva se la darà poco dopo..

A questo punto è necessario aprire una piccola e triste parentesi: Nel 2006 vicino Bologna proprio in quel periodo era avvenuto un tragico fatto di cronaca che aveva occupato per mesi le prime pagine dei giornali e scosso l’opinione pubblica: Tommaso Onofri, sedici mesi di età, era stato rapito e barbaramente ucciso, il cadavere era stato scoperto solo 40 giorni dopo la scomparsa del bambino.

Arriva il momento della seconda manche, Gel parte carichissimo “Io vado a naso/ je faccio fa la fine del piccolo Tommaso” istantaneamente partono i “bu” del pubblico, Gel ha pisciato fuori dal vaso, le rime grezze sono parte integrante del freestyle, ma questa ha varcato i confini dell’ hardcore, la platea bolognese si ribella. Gel ha esagerato e se ne rende subito conto, prova a chiedere scusa durante il freestyle “Scusate se ho esagerato, sono un pesante, sono uno stronzo in mezzo alla gente, sono uno stronzo del cazzo, scusate ragazzi sono un pazzo” ma la folla continua ad insultarlo, Gel inizia ad accusare l’impatto emotivo, non si capisce cosa stia dicendo ” Cosè che po’, quod me.. occhei venga far adesso io sono il Re”.. “Ho esagerato lo sapevo io, io lo rispetto io non sono Dio” il membro del Truce Klan prova ancora a chiedere perdono ma qualche connessione mentale gli è evidentemente andata in tilt perchè sceglie un modo al quanto inusuale per il suo quarto tentativo di scuse in trenta secondi ” Scusate ragazzi, mi inchino, Truce Klan, sono proprio un coglione.. fatemi un bocchino”. Dopo Gel tocca al catanese Ira che sotterra definitivamente il rapper romano con questa rima: “Sei così cretino/ che adesso sul palco fai una figura più triste di quei coglioni che hanno ammazzato quel bambino.”

Gel verrà eliminato subito dalla battle, quello che seguirà sarà uno scontro epico tra Ira, Clementino e Rayden, una battaglia che tutti gli amanti del freestyle ricordano a distanza di quasi dieci anni,  piena di tecnicismi, talento e rispetto reciproco derivato probabilmente anche dalla collettiva presa di distanza dei tre rapper rimasti nei confronti di Gel, quindi tutto sommato una piccola parte del merito va attribuita anche a quest’ultimo.

 

Previous post

"Fu** You" Le ultime parole di Tupac, tra mito e realtà

Next post

Lil Wayne: Drake si è fatto la mia ragazza

Lorenzo Spigarelli

Lorenzo Spigarelli

Once upon a time I was Will Vines