EmergentiGRI

“RapTek” dei SADC: rap a 180 bpm come non lo hai mai sentito prima

Se vi metteste ora a cercare la parola “originalità” su qualche dizionario, non trovereste di sicuro le seguenti definizioni:

“Qualità di chi copia dagli americani, o dai francesi, o comunque dall’estero, per primo”

“Qualità di chi fa lo stesso rap che facevano nel Paleolitico, ma lo fa dopo il 2000, con lo stesso stile, simili liriche e lo stesso identico personaggio incazzato col mondo”

Ma, molto più probabilmente, arrivereste ad una descrizione del genere:

“Quella roba… quella cosa lì… sì insomma, quello che fanno i SADC

Momento, momento, momento, momento, momento… Di chi stiamo parlando? Ma soprattutto… Lois! Questo non è il mio bicchiere di Batman. (cit.)

S.A.D.C. è l’acronimo di “Stato Alterato Di Coscienza”, e la sua pronuncia richiama la parola “sadici”, quindi, svelandovi anche che si tratta di un gruppo milanese, sarebbe consequenziale il fatto che non vi immaginiate i nuovi Benji e Fede, i nuovi Finley, o un duo di suore che cantano l’amore di Gesù per l’insalata di pollo, bensì un duo talmente hardcore che se fosse di sangue reale potrebbe chiamarsi “Riccardo Hardcore Di Leone”, composto da un rapper, CIANURO, e da un beatmaker e dj, BLACK-E, entrambi con diversi anni di esperienza e con una propria ottima reputazione già da solisti; insieme poi, hanno creato una miscela esplosiva, in cui la miccia è l’originalità di una nuova coraggiosa proposta: fondere il rap con l’hardtek!

Non a caso il loro primo progetto, si chiama “RapTek”, e si può forse considerare l’inizio ufficiale di un nuovo genere, che fonde il rap con l’hardtekno! A prescindere da quanti, in un mondo di 7 miliardi di persone, possano aver sperimentato prima qualcosa di simile, perché si sarebbe trattato di semplici “Preliminari”, come il titolo della prima traccia del disco, uscita con video ufficiale. Dobbiamo convenire che, se per qualche preliminare non si può andare in giro a vantarsi di aver fatto sesso, allo stesso modo, usando parole di Sheldon Cooper, è il coito a rendere il tutto ufficiale, e questo disco è una fottuta esplosione atomica sulla cima di una montagna innevata, se vogliamo usare dolci metafore al posto di immagini reali, come Ken Follet quando deve descrivere scene particolarmente hard.

Preliminari” è, appunto, la prima traccia del progetto: aggressiva, forte, dubstep… e se questi sono i preliminari, figuriamoci il resto!

C’è da specificare tuttavia che la vera introduzione del disco è la track successiva, nonché il primo video estratto dal progetto e la titletrack: “RapTek”. Vogliamo usare un’altra immagine per descriverla? Bene. Qui si opta per un’onda che pian piano cresce diventando un vero e proprio tsunami, infatti la prima parte della canzone è molto sul classico, perfino moderata, rispetto poi a quello che avviene dopo: bassi hardtek a tutto spiano, ad opera naturalmente di Black-E, con un Cianuro più infottato che mai che ci rappa sopra!

E questo è solo l’inizio! Ma una descrizione accurata di ogni traccia finirebbe per togliere gusto all’ascolto, per cui limitiamoci ad un trailer per ognuna:

Esci con me

Cianuro, Master Zero e Blue Virus escono con tre ragazze. Come direbbe Nitro: mazzo di fiori o cazzo di fuori?

Amnesia

Il beat magistrale prodotto da Black-E è sempre hardtek, ma un po’ più ‘elegante’ e pacato rispetto a quello che potremmo pensare, il che consente a Cianuro di tirare fuori un aspetto contenutistico che certamente non ci si aspetterebbe su una base del genere, ma d’altro canto, a volte accadono cose che non ci si aspetterebbero. Vero Belgio del 1914?

Tutte troie

Con un’analisi sociologica degna della Bocconi, su un folle beat di Black-E, Cianuro ci spiega quali rappers e quali beatmakers si sono laureati, invece, all’Università dei Bocchini.

Dies Irae

Lanz e Cian fanno quello che sanno fare, tirando fuori una track culturale come poche, ma il mega beat di Black-E, diviso anche qui in una parte “rap” e in una parte “tek”, li risalta ancora di più! Non adatta ai deboli di cuore.

Condors

Per non offendere persone religiose, diremo solo: Partito Democratico!

Errore Di Sistema

Mentre Black-E si evolve come in Pokemon, da beatmaker ad artificiere, Mc Bbo e Cianuro, ognuno con il proprio stile, fotografano attraverso le loro rime la società filtrata dai loro occhi.

Natural Bong Killers

Se il titolo non basta per capire, aggiungeremo: Alongi Approved.

Avrà Un Senso

Con un campionamento che ci riporta nello struggle dei primi del 2000, con le T.a.T.u. che facevano scalpore baciandosi, la canzone mischia contenuti, emozioni, naturalmente flow, un ritornello esplosivo a cura di Giorgie (from GIORGIENESS), ed infine un mega assolo di chitarra elettrica – come in ‘Beautiful’ di Eminem – in questo caso l’assolo finale è offerto da MICK TARAS, chitarrista noto soprattutto a Los Angeles.

Unlimited

Puro sfogo su carta e su un’altra base da paura!

Nati Per Bruciare

La canzone preferita di Giovanna D’Arco e Giordano Bruno.

Scherzi a parte, siamo nella parte più riflessiva del disco, la ciliegina sulla torta. “Nati Per Bruciare” è una nuova dimostrazione di contenuto, perché spaccare i palchi, sperimentare un nuovo genere, avere flow e metrica e riempire perfino il disco di featuring d’eccezione non basta: bisogna saper parlare al cuore degli ascoltatori, come fa questa song.

Ultima Notte

Una scarica di adrenalina: da ballare, da cantare, da vivere!

Ladri Eroi

Ma perché non scoprirlo? Sicuramente un ottimo outro, tanto che la scelta migliore sarebbe quella di ascoltarlo, dopo aver ascoltato l’intero disco, che è in FREEDOWNLOAD, ed è anche ascoltabile DA YOU TUBE, nonostante abbia tutte le carte in regola per essere definito… non un mixtape, non una demo, semplicemente un album: originalità, musicalità, tecnica, contenuto e passione per questa musica. Insomma: un regalo. Ed è scortese rifiutare un regalo.

RapTek” è stato registrato, mixato e masterizzato al C4 Studio, da PANKEES, una realtà molto affermata nella città di Milano, che ci ha sempre regalato ottimi artisti e che con questo disco sembra averci regalato una fusione in stile Goku-Vegeta tra due nomi che già singolarmente spaccavano, e che insieme sembrano farlo ancora di più. Tutto è cominciato da “Pompo Nelle Casse” ed è arrivato fino a qui. Chissà come continuerà!

schermata-2016-10-13-alle-16-16-35
Previous post

Mondo Marcio, fuori ora " Questo Cuore, Queste Stelle" (video)

schermata-2016-10-13-alle-19-21-37
Next post

Lazza è un treno, ascoltare per credere (video Real Talk)

Loris Tudisco Ryder

Loris Tudisco Ryder